Uno dei tanti modi di guadagnare online

Il web è pieno di consigli su come guadagnare online, e molti di questi sono poco realistici o difficili da realizzare.

Sul web sono poi state riproposte quelle catene di sant’Antonio, che un tempo giravano per posta, con le quali tramite un sistema a piramide il vertice guadagnava soldi in base alla attività degli affiliati, i quali erano spinti ad assoldare altri utenti per salire ai vertici della propria piramide.
Oggi sono meno diffuse, ma i primi tempi in iniziavamo tutti ad utilizzare la posta elettronica come strumento di tutti i giorni ci è capitato spesso di imbattere nella riproposizione moderna di questi antichi giochetti.

Poi c’è chi riesce a guadagnare giocando online a poker, e quello che è vietato nei locali pubblici è permesso su Internet, grazie alla differente legislazione in materia presente nei diversi stati.

Oltre alle varie bufale, ai vari annunci sullo stile “guadagna 10.000 euro al mese lavorando da casa” ci sono effettivamente delle possibilità di guadagno legati ad Internet.

Esistono diversi blogger che riescono grazie alla pubblicità a guadagnare scrivendo di quel che conoscono meglio, o scrivendo di argomenti ben pagati.
Uno degli argomenti meglio pagati dagli inserzionisti sono gli argomenti finanziari (e il rapporto tra blog finanziari e utenti interessati è particolarmente alto), ma non è necessario scrivere solamente di Forex per guadagnare online, ci sono argomenti meno pagati ma che interessano a più utenti. O argomenti di nicchia di cui esistono poche informazioni online, e per i quali è semplice risalire le classifiche dei motori di ricerca.

Ci sono poi delle realtà consolidate, dei network, che pagano dei redattori per trattare argomenti, per poi rifarsi con gli introiti di google adsense. (io stesso ho creato un sito che parla di economia, e sul quale scrivono dei reddattori lagati un tot ad articolo)

Insomma, il web è anche una risorsa economica per chi ha voglia, costanza e fantasia.
Io per esempio ho guadagnato qualcosa scrivendo questo articolo, grazie al link inserito più in alto.

Dai, non sentitevi fregati, non ve ne sareste accorti se non ve lo avessi scritto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *