Monthly Archives: aprile 2014

Lettera aperta a Paolo Marchionne, presidente del terzo municipio

Inviato via mail agli indirizzi email pubblici del Presidente: p.marchionne@gmail.com e riattivailquartiere@gmail.com

Buongiorno presidente,
Le scrivo per segnalarle, in privato e pubblicamente, il degrado che ha raggiunto il parco di piazza Dante Galliani.

Definirlo Parco è sempre stato un azzardo, per dimensioni e quantità di verde, ma potrebbe rappresentare un’area di gioco per i bambini del quartiere, che non hanno grosse alternative (l’area giochi più vicina è il parco “dei Sassi” di via Monte Cervialto, si figuri..)

Il parco avrebbe 3 giochi: una altalena, le cui corde sono state rimosse diversi mesi fa, e mai ripristinate, un legno e uno scivolo arrugginito.

Il resto è immondizia fuori dai secchioni, cicche di sigarette, e odore di cani, che fanno i bisogni ovunque. Di fatto è stato espropriato dai proprietari di cani, che lo utilizzano per far fare i bisogni ai propri animali, e anche quando i più civili (temo la minoranza) raccolgono le feci, l’odore di urina la fa da padrone. E ovviamente quale posto migliore per un cane del fare pipì sulla sabbia, dove nel pomeriggio giocano i bambini?

Eppure basterebbe poco a dare un senso a quell’area, sarebbe sufficiente ripristinare i giochi e recintare un’area da dedicare ai cani.

Avevo in mente di comprare di tasca mia almeno le corde dell’altalena, per regalare ai bimbi uno spazio sociale, ma mi è stato obiettato che se qualcuno si fosse fatto male avrei rischiato una denuncia.

Allora le faccio una proposta: se il comune non ha i soldi per un paio di altalene, questi ce li metto io, faccio finta per un giorno di non versare nelle casse delle amministrazioni pubbliche la metà dei miei guadagni, e contribuisco senza chiedere niente in cambio.

Ma perfavore fate qualcosa, non voglio abituarmi all’idea di vivere in un simile degrado.

PS: non me ne voglia se rendo pubblica questa mia mail, la prenda come un’occasione per dimostrare pubblicamente che la politica, almeno quando interpellata dai cittadini, è in grado di fare qualcosa.

Cordiali Saluti

Marco Buttarini

Come rimuovere le directory svn su ambiente linux

Svn è fantastico, è uno strumento indispensabile per lavorare a più mani sul codice.

Ma bisogna saperlo usare, e usarlo con attenzione.
Questa nota nasce da un errore che non voglio ripetere: volevo portare un intero ramo da un progetto ad un altro, e mi sono limitato a fare una copia (cp -p).

Dopo aver copiato le directory sono entrato dentro una di queste, ho modificato qualche file per adattarlo al nuovo ambiente, e ho committato le modifiche.

Ma, errore degli errori, il commit è avvenuto nel ramo di provenienza, e non sulla destinazione. Avreo dovuto cancellare tutti i riferimento all’svn di origine, e aggiungere i file al nuovo repository.

Questa la premessa per giustificare questa riga di shell. Banale ma utile:

find . -name ".svn" -exec rm -rf {} \;